NEWS

> Torna alle News


08.01.2008

290// Kenya, solo i massacri scuotono i media

di Stefano Corradino

 

“Premesso che non è affatto facile interpretare le informazioni in modo corretto se non si conosce a fondo il Paese, bisognerebbe tuttavia cercare di dare una visione molto più equilibrata; non parlare solo delle uccisioni e dei massacri ma capire la complessità della situazione”. Così “Kizito” Sesana, il padre comboniano - già direttore di Nigrizia - in Kenia dal 1998, parla ad Art.21 del ruolo della stampa keniota e di quella occidentale. E di un Paese fermo, preda di interessi “particolari” di Usa e Gran Bretagna.

Qual è la situazione a Nairobi in questo momento?
E’ decisamente più tranquilla dopo che l’opposizione ha rinunciato alla manifestazione di piazza. La gente si è calmata e ha una grandissima voglia di normalità, non ne può più di questi giorni di tensione. Quando si è capito che la manifestazione annunciata stava per fallire c’è stato un sospiro di sollievo, si sono riempiti i negozi e la gente è tornata in strada.

Le tensioni non riguardano però solo Nairobi.
No, e in effetti il conflitto si sta propagando in altre zone. Proprio ieri l’annuncio, che stiamo tuttora confermando, di nuove uccisioni e scontri etnici nel Kenya occidentale. Una situazione di violenza che in altre zone del Paese sfugge al controllo.

Ci sono segnali di dialogo?
A Nairobi sì, le due parti sembrano dialogare ma ci vorrà ancora molto tempo…

Come giudica il ruolo dell’occidente in questa fase? Il Kenya è un territorio a cui le potenze occidentali sono molto “interessate”…
Interesse mi sembra il termine giusto: l’azione diplomatica c’è ma sembra dettata più che altro da interessi “particolari”. Sono rimasto piuttosto perplesso dall’azione dei due più grandi alleati del Kenya, Usa e Gran Bretagna...

Dal punto di vista sociale ed economico qual è la fotografia attuale del Paese?
Il Paese è fermo, in una fase di stagnazione completa. E questo condiziona anche i Paesi limitrofi. In Uganda i prezzi sono triplicati da domenica ad oggi perché molti beni passano attraverso il Kenya. E se il Kenya va nel caos ci cade tutta l’Africa orientale.

E per quanto concerne l’informazione?
La stampa keniota si sta dimostrando piuttosto libera. Fatta eccezione per il divieto di mandare in onda immagini in diretta radio e tv ha scelto di far ragionare la gente. Mentre nelle scorse settimane ciascuno appoggiava un candidato o un partito, in questi ultimi giorni l’atteggiamento è alquanto responsabile: hanno appena pubblicato un editoriale comune e questo è un bel segnale. Chiedono: fermate la strage e poi si ricomincia a ragionare.

La stampa occidentale ha lo stesso atteggiamento responsabile?
Premesso che non è affatto facile interpretare le informazioni in modo corretto se non si conosce a fondo la situazione del Paese, bisognerebbe cercare di dare una visione molto più equilibrata; non mettersi subito a sottolineare e mettere in risalto i fatti più clamorosi e sanguinolenti, ma cercare di dare una interpretazione complessiva. E invece la stampa internazionale, mediamente, tende a parlare solo delle uccisioni e dei massacri piuttosto che far capire la complessità del problema.

Fonte: Articolo 21

02/01/2008

> Scrivi un Commento
Letto 2580 volte