NEWS

> Torna alle News


06.12.2007

259// Discorso di apertura di Padre Kizito per la Conferenza Internazionale a Nairobi

di Redazione

 

DISCORSO DI APERTURA DI PADRE RENATO KIZITO SESANA
ALLA CONFERENZA INTERNAZIONALE:
CURSED BY RICHES: RESOURCES AND CONFLICTS IN AFRICA
6 DICEMBRE 2007
SHALOM HOUSE, NAIROBI – KENYA


Vi ringrazio di cuore per la vostra partecipazione a questa conferenza organizzata dalla comunita’ di Koinonia e Africa Peace Point, con la collaborazione di altre organizzazioni.

Ci siamo riuniti qui con con la visione negli occhi e il peso nel cuore dei milioni di Africani che continuano a soffrire a causa di un sistema internazionale la cui essenza sono guerra, violenza, razzismo, oppressione, repressione e l’impoverimento dei poveri. Siamo tutti piu’ che consapevoli che la pace e’ ben di piu’ che la semplice assenza di guerra, e che molti paesi, considerati ufficialmente in pace, in realta’ continuano ad osservare una continua violenza contro i membri piu vulnerabili della societa’. Le nuvole scure ancora in bilico sulle nostre terre, specialmente in Africa, sono ragione di grave preoccupazione. E’ quella la ragione del nostro umile invito affinche’ insieme si esamini come poter coordinare ulteriormente i nostri sforzi per muovere un passo avanti verso una più giusta e pacifica società.
Quando gli oppressi e gli svantaggiati prendono il loro destino nelle proprie mani; e quando quelli divisi in amari conflitti si impegnano per la pace e alla riconciliazione, questo e’ davvero un atto collettivo di straordianrio impegno e leadership. Come Koinonia Community - una comunita cristiana laica al servizio delle vite dei piu’ poveri ed emarginati della societa’- abbiamo, insieme ad Africa Peace Point, proiettato i nostri sfrozi in questa direzione: dare la possibilita’ ai piu’ deboli di prendere in mano il loro stesso destino. Sappiamo di essere piccoli e deboli, e il riunirsi oggi e’ testimonianza di questo sforzo. La maggior parte delle persone che lavorano qui a diversi livelli provengono da contesti di marginalizzazione e poverta’.
Negli ultimi 15 anni abbiamo lavorato senza sosta per realizzare questo viaggio di pace.

> Scrivi un Commento
Letto 2483 volte