NEWS

> Torna alle News


22.01.2007

105// Uno stadio per il World Social Forum

di Mauro Sarti

 

Nairobi 21 gennaio 2007 ore 14,30 - Duemila volontari hanno lavorato mesi dopo che le grandi associazioni kenyane avevano lanciato il progetto, fatto partire il tam-tam e chiesto la collaborazione di tutti per allestire in Africa il settimo Forum Sociale.

Nairobi 21 gennaio 2007 ore 14,30 - Duemila volontari hanno lavorato mesi dopo che le grandi associazioni kenyane avevano lanciato il progetto, fatto partire il tam-tam e chiesto la collaborazione di tutti per allestire in Africa il settimo Forum Sociale.

Il MOI Center, a Kasarani, è alle porte di Nairobi, una grande struttura dove devi passare sotto la scritta “competitors” per accedere al cuore dell’evento, mentre tutto intorno sono sistemati i banchetti e le tende bianche che ospitano gli oltre mille appuntamenti previsti per sei giorni di lavoro. Accanto ad una caserma sfila il mondo della pace, e s’infila dentro uno stadio che assomiglia più a un grande circo colorato che ad una struttura sportiva. Centomila partecipanti no, troppi. A Nairobi non tutti sono riusciti ad arrivare, non tutti hanno creduto in questa scommessa africana. Ma quando vedi già alle 9 di mattina una lunga fila per la registrazione al meeting capisci che la macchina ha cominciato a girare. Che il Forum è già un successo.

Un programma vero e proprio non esiste, o meglio ne girano diverse versioni da pochi custodite con grande cura, e il sito ufficiale del forum non sempre è di aiuto: “Internet is down, we are working on it… ” e per ore la connessione alle reti del mondo è interrotta. Per saper cosa fare, dove andare,quale appuntamento selezionare tra i tanti, megli affidarsi ai volontatini, ai flyers distribuiti davanti ad ogni banchetto. Ciascuno offre la sua merce, t’invita al suo incontro, dai suoi leaders. Oppure, se preferisci, basta seguire le telecamere e i microfoni appesi alle lunghe aste dei fonici. Lì sotto, quando passo, sta parlando Wandana Shiva. Altri big arriveranno.

Il MOI Center, a Kasarani, è alle porte di Nairobi, una grande struttura dove devi passare sotto la scritta “competitors” per accedere al cuore dell’evento, mentre tutto intorno sono sistemati i banchetti e le tende bianche che ospitano gli oltre mille appuntamenti previsti per sei giorni di lavoro. Accanto ad una caserma sfila il mondo della pace, e s’infila dentro uno stadio che assomiglia più a un grande circo colorato che ad una struttura sportiva. Centomila partecipanti no, troppi. A Nairobi non tutti sono riusciti ad arrivare, non tutti hanno creduto in questa scommessa africana. Ma quando vedi già alle 9 di mattina una lunga fila per la registrazione al meeting capisci che la macchina ha cominciato a girare. Che il Forum è già un successo.

Un programma vero e proprio non esiste, o meglio ne girano diverse versioni da pochi custodite con grande cura, e il sito ufficiale del forum non sempre è di aiuto: “Internet is down, we are working on it… ” e per ore la connessione alle reti del mondo è interrotta. Per saper cosa fare, dove andare,quale appuntamento selezionare tra i tanti, megli affidarsi ai volontatini, ai flyers distribuiti davanti ad ogni banchetto. Ciascuno offre la sua merce, t’invita al suo incontro, dai suoi leaders. Oppure, se preferisci, basta seguire le telecamere e i microfoni appesi alle lunghe aste dei fonici. Lì sotto, quando passo, sta parlando Wandana Shiva. Altri big arriveranno.

> Scrivi un Commento
Letto 2941 volte